Recupero transfrontaliero degli alimenti in Europa

SCHMUCKBILD + LOGO

INHALT

BREADCRUMB

Ambito sostanziale del regolamento sulle obbligazioni alimentari, della convenzione dell’Aia del 2007 e del protocollo dell’Aia del 2007

 

Il regolamento sulle obbligazioni alimentari si applica “alle obbligazioni alimentari derivanti da rapporti di famiglia, di parentela, di matrimonio o di affinitÓ” (articolo 1 del regolamento). Il considerando 11 sottolinea che la nozione di “obbligazione alimentare” deve essere interpretata in modo autonomo.

L’ambito sostanziale della convenzione dell’Aia del 2007 Ŕ, in qualche modo, pi¨ complesso, dato che la convenzione prevede, all’articolo 2, una limitazione e un’estensione dell’ambito “predefinito”.

La convenzione si applica:

  • alle obbligazioni alimentari derivanti da un rapporto di filiazione nei confronti di una persona di etÓ inferiore a 21 anni (articolo 2(1) a))
  • al riconoscimento e all’esecuzione ovvero all’esecuzione di una decisione in materia di obbligazioni alimentari tra coniugi ed ex coniugi nei casi in cui la domanda sia presentata congiuntamente a una richiesta di alimenti di cui alla lettera a) precedente (articolo 2(1) b)), e
  • ad eccezione dei capi II e III, ad altre obbligazioni alimentari tra coniugi ed ex coniugi (articolo 2(1) c)).

╚ importante sottolineare che le disposizioni della convenzione si applicano ai figli a prescindere dalla situazione coniugale dei genitori (articolo 2(4)).

L’applicazione dell’articolo 2(1) a) della convenzione pu˛ essere limitata, tramite riserva, alle obbligazioni alimentari derivanti da un rapporto di filiazione nei confronti di una persona di etÓ inferiore a 18 anni (articolo 2(2)). D’altra parte, tramite dichiarazione, gli Stati possono estendere in tutto o in parte l’ambito di applicazione della convenzione alle obbligazioni alimentari derivanti da rapporti di famiglia, di parentela, di matrimonio o di affinitÓ, comprese in particolare le obbligazioni alimentari nei confronti di persone vulnerabili (articolo 2(3)).